Eventi

Alla luce della Parola - Commento al Vangelo della Domenica 20/09/2020

Alla luce della Parola - Commento al Vangelo della Domenica 20/09/2020
20-09-2020 - 20-09-2020
XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO
"Amico, io non ti faccio torto .... Voglio dare anche a quest'ultimo quanto a te" (Mt 20, 13.14)
 


Alla luce della Parola - Commento al Vangelo della Domenica 13/09/2020

Alla luce della Parola - Commento al Vangelo della Domenica 13/09/2020
13-09-2020 - 13-09-2020
XXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO
" Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette " (Mt 18,22)


_
Alla luce della Parola - Commento al Vangelo della Domenica

Alla luce della Parola - Commento al Vangelo della Domenica

Dal: 25-07-2020 - Al: 25-07-2020

XVII DOMENICA del Tempo Ordinario
" Va, vende tutto quello che ha .... " (Mt 13, 44)
Mt 13, 44-52

"Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo: un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo; poi, pieno di gioia, va, vende tutto quello che ha e compra quel campo.
Ancora: il regno dei cieli è simile a un mercante che va in cerca di belle perle. Trovata una perla di gran valore, va, vende tutto quello che ha e la compra.
Ancora: il regno dei cieli è simile a una rete gettata in mare, la quale ha raccolto ogni genere di pesci. Unavolta piena, i pescatori la traggono a riva e, sedutisi, racolgono i pesci buoni nelle sporte e buttano via quelli cattivi. Così avverrà alla fine del mondo: verranno gli angeli e separeranno i malvagi dai giusti e li getteranno nella fornace ardente. Là sarà pianto e stridore di denti".
"Avete capito tutto questo?". Rispondono: "Si". Egli disse loro: "Per questo ogni scriba istruito nel regno dei cieli è simile a un padre di famiglia che trae fuori dal suo scrigno cose nuove e cose antiche".


In questo brano di Matteo vediamo che il regno dei cieli è paragonato a realtà diverse. Realtà che fanno emergere un'unica esigenza.
Il regno dei cieli è prezioso come un tesoro o una perla. Ma, sia l'uno che l'altra non sono immediatamente visibili . Occorre cercarli per poterli trovare. Il regno dei cieli non è ben isolato dalla realtà del modo, ma è completamente immerso in essa e, se riceviamo la grazia di trovarlo, per non perderlo di nuovo, è necessaria una scelta radicale, un cambiamento di mentalità, di stile di vita.
Il regno dei cieli è anche simile a una rete piena di pesci di ogni genere, buoni e cattivi. Non li possiamo cucinare tutti insieme. Rischieremo di rovinare tutto. Occorre separare i buoni dai cattivi. Occorre lasciare ciò che è male per far emergere e gustare ciò che è bene. Occorre vendere.
È necessario vendere tutto per aderire alla novità del regno abbracciandolo totalmente. Così, quelle perdite, quelle piccoli morti, quelle rinunce, diventeranno la radice di una grande gioia.




Indietro Stampa