Eventi

Alla luce della Parola - Commento al Vangelo della domenica 28/06/2020

Alla luce della Parola - Commento al Vangelo della domenica 28/06/2020
28-06-2020 - 28-06-2020
XIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO
" Chi avrà tenuto per sè la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà" (Mt 10,39)


Alla luce della Parola - Commento al Vangelo della Domenica 05/07/2020

Alla luce della Parola - Commento al Vangelo della Domenica 05/07/2020
05-07-2017 - 05-07-2017
XIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO
" Venite a me" (Mt 11,28).



_
Alla luce della Parola- Commento al Vangelo della domenica 10/11/2019

Alla luce della Parola- Commento al Vangelo della domenica 10/11/2019

Dal: 10-11-2019 - Al: 10-11-2019

 XXXII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO
"Dio non è dei morti, ma dei viventi perchè tutti vivono per lui" (Lc 20, 38)
Lc 20,27-38
In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni sadducèi – i quali dicono che non c'è risurrezione – e gli posero questa domanda: «Maestro, Mosè ci ha prescritto: “Se muore il fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello”. C'erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. Allora la prese il secondo e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli. Da ultimo morì anche la donna. La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l'hanno avuta in moglie». Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio. Che poi i morti risorgano, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando dice: “Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe”. Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui». 

I Sadducei non credono nella risurrezione dei morti ed hanno bisogno di sostenere la loro tesi di fronte a Gesù che, invece afferma il contrario. Perciò, si appoggiano, citandola a memoria, ad una legge di Mosè, di difficile applicazione se si crede alla risurrezione dei morti, e poi presentano una possibile situazione in cui è stata applicata, chiedendo al Sinore di leggerla nell'ottica della risurrezione. Ovviamente il tentativo è quello di farlo cadere, ma Gesù sembra preoccuparsi di altro. Infatti, la sua risposta non è tesa tanto a contrastare i Sadducei, quanto a fargli conoscere più da vicino chi è Dio. Anche Lui si appoggia alla scrittura e da lì trae, citandola, l'identità che Dio stesso dà di sè a Mosè: "Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe" (Lc 19,38). Abramo, Isacco, Giacobbe vengono da Dio  e, come loro, tutti gli uomini perchè Dio è il creatore di tutto e la vita viene da Lui. Perciò, "Dio non è dei morti, ma dei viventi" (Lc 19,38). È la Scrittura stessa che afferma che Dio va oltre la morte ed oltre la morte è il destino di ogni creatura. L'uomo è creato per l'eternità indipendentemente dalla situazione in cui si trova nella vita terrena. Essa, infatti è solo un passaggio. 



Indietro Stampa