Eventi

IL CARDINAL BETORI A QUADALTO

IL CARDINAL BETORI A QUADALTO
24-05-2020 - 24-05-2020
 In questo tempo di pandemia da Covid 19, il vescovo della diocesi di Firenze, cardinal Giuseppe Betori, ha svolto settimanalmente degli incontri di preghiera in alcuni santuari mariani e chiese dedicate al crocefisso.

Il 14 maggio 2020 ha voluto concludere questa serie di incontri nel nostro Santuario di Quadalto dedicato a Santa Maria della Neve.

 


Alla luce della Parola - Commento al Vangelo della domenica 24/05/2020

Alla luce della Parola - Commento al Vangelo della domenica 24/05/2020
24-05-2020 - 24-05-2020
ASCENSIONE
"Io sono con voi tutti i giorni" (Mt28,20)


_
Alla luce della Parola - Commento al Vangelo della domenica 06/10/2019

Alla luce della Parola - Commento al Vangelo della domenica 06/10/2019

Dal: 05-10-2019 - Al: 05-10-2019

 XXVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO
"Accresci in noi la fede!". (Lc 17,6)
Lc 17,5-10
In quel tempo, gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!». Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe.
Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: “Vieni subito e mettiti a tavola”? Non gli dirà piuttosto: “Prepara da mangiare, stríngiti le vesti ai fianchi e sérvimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu”? Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti? Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”».
Gesù, nel suo lungo discorso ai discepoli, ha appena terminato di parlare delle esigenze della sequela, che Luca ci presenta dure e impegnative, quasi impossibili per l'uomo. Perciò, non è a caso che i discepoli chiedano il dono di veder crescere la loro fede. La risposta di Gesù, però, sposta l'attenzione dalla quantità all'essenza della ifede. Infatti, il granello di senape è piccolissimo e, così piccolo, permette di fare cose che umanamente sembrano impossibili come comandare a un gelso di sradicarsi. La fede non è grande o piccola, ma c'è o non c'è e avere fede significa riconoscere il dono d'amore di Dio per noi e con Lui tessere una relazione rispondendo a quel dono. Avere fede è vivere ogni situazione con tutto se stessi, compresi i limiti e non per piacere a l'altro ma, per essere io stessa dono per l'altro. È la capacità di essere “servi inutili”, cioè di compiere il nostro dovere senza guardare ai riconoscimenti, alla gratificazione, perché sappiamo che ciò che abbiamo fatto è restituzione di una possibilità che ci è stata data da Dio.



Indietro Stampa